Comune di Cassano Magnago


Emissioni atmosfera

UfficioSUAP
Descrizione tipologia Atto abilitante l'attivitàAi sensi della D.G.R. 29.10.01, n. 6631 l’adempimento amministrativo che dà titolo a svolgere una attività ad inquinamento poco significativo è la consegna all’Amministrazione comunale nel cui territorio viene svolta l’attività, nella forma dell'autocertificazione, di comunicazione attestante la sussistenza delle condizioni di «poca significatività» dell'inquinamento prodotto presso la propria attività.

RequisitiI seguenti impianti e attività, ricadendo nella previsione di cui all'articolo 272, comma 1 del D.Lgs. 3-4-2006 n. 152, sono tenuti a quanto indicati in MODALITA' DI PRESENTAZIONE/RITIRO DELL'ISTANZA:

a) Impianti adibiti esclusivamente a lavorazioni meccaniche con esclusione di attività di verniciatura, trattamento superficiale dei metalli e smerigliature.
b) Impianti di aspirazione situati in:
(1) laboratori orafi in cui non è effettuata la fusione di metalli;
(2) laboratori odontotecnici;
(3) esercizi in cui viene svolta attività estetica, sanitaria e di servizio e cura della persona;
(4) officine ed altri laboratori annessi a scuole.
c) Impianti destinati alla decorazione di piastrelle ceramiche senza procedimento di cottura.
d) Impianti adibiti esclusivamente alle seguenti lavorazioni tessili: preparazione, filatura, tessitura della trama, della catena o della maglia di fibre naturali, artificiali o sintetiche, con eccezione dell'operazione di testurizzazione delle fibre sintetiche e del bruciapelo; nobilitazione di fibre, di filati, di tessuti limitatamente alle fasi di purga, lavaggio, candeggio (ad eccezione dei candeggi effettuati con sostanze in grado di liberare cloro e/o suoi composti), tintura e finissaggio a condizione che tale fase sia effettuata nel rispetto delle seguenti condizioni:
*) le operazioni in bagno acquoso devono essere condotte a temperatura inferiore alla temperatura di ebollizione del bagno, oppure, nel caso in cui siano condotte alla temperatura di ebollizione del bagno, ciò deve avvenire senza utilizzazione di acidi, di alcali o di prodotti volatili, organici o inorganici, o, in alternativa, all'interno di macchinari chiusi;
*) le operazioni di asciugamento o essiccazione e i trattamenti con vapore espanso o a bassa pressione devono essere effettuate a temperatura inferiore a 150esimo e nell'ultimo bagno acquoso applicato alla merce non devono essere stati utilizzati acidi, alcali o prodotti volatili, organici od inorganici.
e) Cucine, esercizi di ristorazione collettiva, mense, rosticcerie e friggitorie.
f) Panetterie, pasticcerie ed affini con un utilizzo complessivo giornaliero di farina non superiore a 300 kg.
g) Stabulari acclusi a laboratori di ricerca e di analisi.
h) Serre.
i) Stirerie.
j) Laboratori fotografici.
k) Autorimesse e officine meccaniche di riparazioni veicoli, escluse quelle in cui si effettuano operazioni di verniciatura.
l) Autolavaggi.
m) Silos per materiali da costruzione ad esclusione di quelli asserviti ad altri impianti.
n) Macchine per eliografia.
o) Stoccaggio e movimentazione di prodotti petrolchimici ed idrocarburi naturali estratti da giacimento, stoccati e movimentati a ciclo chiuso o protetti da gas inerte.
p) Impianti di trattamento acque.
q) Macchinari a ciclo chiuso di concerie e pelliccerie.
r) Attività di seconde lavorazioni del vetro, successive alle fasi iniziali di fusione, formatura e tempera, ad esclusione di quelle comportanti operazioni di acidatura e satinatura.
s) Forni elettrici a volta fredda destinati alla produzione di vetro
t) Trasformazione e conservazione, esclusa la surgelazione, di frutta, ortaggi, funghi con produzione giornaliera massima non superiore a 350 kg.
u) Trasformazione e conservazione, esclusa la surgelazione, di carne con produzione giornaliera massima non superiore a 350 kg.
v) Molitura di cereali con produzione giornaliera massima non superiore a 500 kg. A tali attività non si applica quanto disposto all'articolo 272, comma 1.
w) Lavorazione e conservazione, esclusa surgelazione, di pesce ed altri prodotti alimentari marini con produzione giornaliera massima non superiore a 350 kg.
x) Lavorazioni manifatturiere alimentari con utilizzo giornaliero di materie prime non superiore a 350 kg.
y) Trasformazioni lattiero-casearie con produzione giornaliera massima non superiore a 350 kg.
z) Allevamento di bestiame che, per ciascuna delle quantità indicate nella seguente tabella in funzione delle categorie animali allevate, dispone di almeno un ettaro di terreno su cui l'utilizzazione agronomica degli effluenti è effettuata in base al decreto previsto dall'articolo 112, comma 2, della Parte Seconda del presente decreto ed in base alle relative norme regionali di attuazione, ove adottate.

Modalità di presentazione/ritiro dell'instanzaI Gestori degli impianti ed attività in deroga, di cui all'art. 272 comma 1, elencati nella parte I dell'allegato IV alla parte quinta del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, con emissioni scarsamente rilevanti agli effetti dell'inquinamento atmosferico (ex attività ad Inquinamento Poco Significativo - Allegato 1 al D.P.R. 25.07.1991) comunicano al Comune in via preventiva, ai sensi della D.G.R. 29.10.01, n. 6631, la sussistenza delle condizioni di ''scarsa rilevanza'' dell'inquinamento atmosferico prodotto dalla propria attività e la la data di messa in esercizio dell'impianto.
La comunicazione deve essere presentata prima dell’attivazione dell’attività mediante la consegna al Protocollo comunale del modello indicato in DOCUMENTI in duplice copia.
Una copia:
· sarà utilizzata dal Comune per l’istruttoria;
· debitamente vidimata con gli estremi di ricezione da parte del Comune, sarà immediatamente restituita all’utente dal Protocollo Comunale.

ValiditàLa presentazione al Comune della comunicazione di cui alla presente scheda costituisce titolo valido per l’immediato avvio dell’attività indicata fino al verificarsi di sub-ingressi all’attività - cambio di denominazione/ragione sociale senza modifiche delle emissioni – ripresa - cessazione dell’attività, avvenimenti per i quali dovrà essere inoltrato al S.U.A.P. comunicazione di variazione.

Documentazione da presentareIl modello indicato in MODULISTICA dovrà essere presentata in duplice copia.

Riferimenti di LeggeD.Lgs. 3-4-2006 n. 152
D.G.R. 29.10.01, n. 6631
Allegati
img_20COMUNICAZIONE EMISSIONI ATMOSFERAda compilarsi