Ricerca
martedì 12 dicembre 2017 ..:: Vivere la città » Curiosità » Conosciamo i nostri poeti » Edoardo Zuccato ::.. Registrazione  Login
Avviso variazione PEC
L'indirizzo di PEC del Comune di Cassano Magnago è il seguente:

protocollo.comune.cassanomagnago@pec.regione.lombardia.it

Tale indirizzo è abilitato esclusivamente alla ricezione della posta elettronica certificata (PEC)
Edoardo Zuccato
Edoardo Zuccato (Cassano Magnago, 1963) ha pubblicato le raccolte di poesie in dialetto Tropicu da Vissévar (Crocetti, Milano 1996) e La vita in tram (Marcos y Marcos, Milano 2001). Ha tradotto opere poetiche di autori inglesi romantici e contemporanei e insegna letteratura inglese all'università IULM di Milano
TESTI POETICI

In chela basilica lassâ andà,
 
tütta crepp e sfragüjenta
temé 'na mica da pan brüsatâ
di ann, tanti gent hinn vignüü chì
a impienìss ul ventar daa cuscienza
ca i gh'avean da fà a mangià.
 
L'hann faj sü sü 'na culina
che 'me tan sitt sant la domina i paes,
e incö l'andarìa ben pa 'n ripetidur
anca se lur parlean cul ciel
e nön gh'emm da fà a parlàss tra da nön.
 
Mi sa son chì a cercà cusé?
Una crepa ind ul mür daa stória?
Ga pensi, e ind ul pensà mi,
ca g'ho famm no, ma senti pien
a saltà un past dul menü üniversâl
daa dieta d'incö,
una picondra a dudass canâl.
 
In questa basilica abbandonata, / che si sbriciola tutta piena di crepe / come una pagnotta bruciacchiata / dagli anni, tante persone sono venute / a riempirsi la pancia della coscienza, / loro che campavano a stento. // L'hanno costruita su una collina / che come tanti luoghi sacri domina i paesi / e oggi andrebbe bene per un ripetitore / anche se loro parlavano col cielo / e noi facciamo fatica a parlare fra noi. // Cosa sto cercando qui? / Una crepa nel muro della storia? / Ci penso, e nel pensare io, / che non ho fame, mi sento più pieno / saltando un pasto del menù universale / della dieta odierna, / un peso sullo stomaco a dodici canali.
 
 
 
**********
I vecc disan sempar chi robb
parché j oltar onz' a onza ai ga scapan via
'me ratt d'una nav ca l'é drê sfundà.
 
Mó capissi a sulfa daa mè nona,
ca la cerchea dumâ da traspurtà
in sü 'n'oltra barca i marinar
püssê tacâ, quej restâ lì fin in ültim.
 
Anca mi ma par, a guardà i mè scritür,
da vess drê a impienìss d'acqua.
 
I vecchi dicono sempre le stesse cose / perché le altre a poco a poco fuggono da loro / come topi da una nave che sta affondando. // Ora capisco la solfa di mia nonna, / che cercava solo di mettere in salvo / su un'altra barca i marinai / più affezionati, quelli rimasti fino in fondo. // A guardare i miei scritti, sembra anche a me / di incominciare a imbarcare acqua. (da Tròpicu  da Vissévar, Crocetti, Milano, 1996)
 
 
 
**********
I ganivèj
 
Batezâ in daa benzina, i ganivèj
in muturén 'me i best' di gabi
i vulan föa di sò cancèj;
 
hinn già di signurinn, di umatìtt,
gh'é sciâ l'età daa stüpidéra
e i sò gàndul hinn drê da fö' da matt.
 
Né tòmm né passachì, né bej né brütt
né grand né piccul, te i védat dumâ
temé i bursiö 'n süj sò facc, a grüpp.
 
Süj giacatìtt g'hann sü di nomm ingles
e lur ga pâr nurmâl capì nagótt
adess e men' ammô da chì e 'n mes;
 
ma sacranon va' dà via i ciapp madona
l'é 'l vucabulari da strüsà in gir
par créss sü da sua di òl d'una spana.
 
A cà l'ugión daa maestra, la bala
da stròliga sen' pizza, ga fa scöla
e j a sgonfia sü 'me Natal 'na póla.
 
La lüs gerba da marz la querta i banch
e anca par quej c'hinn lì nujâ gh'é drê
casciâ milla dübi, milla dumand.
 
Ma par incö hinn a post, l'ura l'é vegia...
alegar, i sann no cusé ch'i a spéccia.
 
I ragazzini – Battezzati nella benzina, i ragazzini / in motorino come animali in gabbia / schizzano fuori dai loro cancelli; // sono donnine ormai, e ometti, / c'è la prima stagione degli amori / e le ghiandole sembrano matte. // Insipidi, né belli né brutti / né grandi né piccoli, li vedi soltanto / come i brufoli in faccia, a gruppi. // Sui giubbetti hanno parole inglesi / e gli pare normale non capir nulla / oggi e meno ancora fra un mese; // ma vaffangiro porcodiaz madonna / è il vocabolario da strascicare in giro / per crescere sugli altri di una spanna. // A casa l'occhione della maestra, la palla / da astrologa sempre accesa, gli fa scuola / gonfiandoli come tacchini a Natale. // La luce acerba di marzo copre i banchi / e anche per chi si annoia stanno / spuntando mille dubbi, mille domande. // Ma per oggi è fatta, l'ora è vecchia... / allegri, non sanno cosa li aspetta.
 
 
 
**********
pa’ a B.
Ti gh’ê in ment anca ti i fett da lüna,
quan’ che ’n ciel sa videa un bell nagótt,
gh’era un scür sbiavâ, masutâ da sòffigh,
gh’era i strâ cunt a fevar e i fest
mudest, qui da paes o da quartier,
du ch’i personn fean ripusà i brasc süj tavar.
Sot’ ai tendon gh’era l’umbria dul scür
ma inlùa né mi né ti sa dumandéum
ul mond ’sa l’era al mond a fà cusé;
par nön gh’era i segion râs d’acqua fresca,
i pign d’ingüri cumé pirulâ bass dul ciel
e i taul pien da bicer curtej e lünn,
fetasc da lüna russa
par tirà ’l fiâ pa’ ’n pu, e i pacialüna
ch’i parean bon menga menu… Te ridat,
e ridi an’ mi, epür gh’eum menga tort
e anca qui là eran da bon a lüna.
 
Per B. – Ricordi anche tu le fette di luna, / quando in cielo non si vedeva niente, / c’era un buio slavato, fradicio d’afa, / e le strade con la febbre e le feste / modeste, di paese o di quartiere, / dove la gente riposava le braccia sui tavoli. / Sotto i tendoni c’era l’ombra del buio / ma allora né tu né io ci chiedevamo / cos’era al mondo a fare il mondo; / per noi c’erano mastelli d’acqua fresca, / le cataste di angurie come rotolate dal cielo / e i tavoli ingombri di bicchieri coltelli e lune, / fettone di luna rossa / per tirare un po’ il respiro, e le facce tonde / che non parevano meno buone… Tu ridi, / e rido anch’io, eppure non sbagliavamo / e anche quelle, veramente, erano la luna. (Da La vita in tram, Marcos y Marcos, Milano, 2001)
 
 
 
**********
Gh'é dré cascià i rös,
dür e serâ, par adess, temé 'n pügn
sül müsón dul frecc.
 
Hinn pien da rabia e da 'legria
'me 'pena vignüü föra da' uspedâl,
'me quej ch'ogni tant i resonan no.
 
Ma ti specia 'n quaj dì, e ogni rösa
bell e vèrta la ga darà cent man
a la lüs.
 
Stanno spuntando le rose / dure e chiuse, per adesso, come pugni / in faccia al freddo. // Sono piene di rabbia e allegria / come appena uscite dall'ospedale, / come quelli che ogni tanto non ragionano. // Ma aspetta qualche giorno, e ogni rosa / aperta stringerà cento mani / alla luce. 
 
 
 
**********
Sa la faìss anca lê un pu da sciopero
l’uficina di sentiment…
 
Ma l’ha ga sempar sü dul gran laurà
la vita rüggina da tütt i dì,
 
l’é ’ssê ’na camula, di robb da gnent
e ’l cör, chel troja, al pica ’me ’n farê,
 
al va catà chì ul rutàmm di ricord
e ’l cred che nön semm faj d’azzâl.
 
Dentar da nön gh’é ’n medioevo,
gh’é i mostri süj cartinn di sitt luntan
e anca da quej visen a nön,
 
gh’é i cavaglier cun la facia da fer
e i donn cun la facia dora ’me ’l su,
 
gh’é i paisan ca prega
quan’ che la tera la par dré murì,
 
e ’l laura temé desmila ann fa
ul schiavo ca ’l sa no ’sa hinn i feri
 
epür l’é lü ’l padron e quan’ ca ’l vör
al ma tra là temé ’na pell da figh.
 
Cittu, ca i ciaman agià un’oltra squadra,
l’é ua da carcàss là, a vess furtünâ,
par cinghej a la quindisâ.
 
Se scioperasse un po’ anche lei / l’officina dei sentimenti… // Ma ha sempre un sacco di lavoro / la vita ruggine di ogni giorno, // basta un fastidio, delle cose da nulla / e il cuore, quel troia, martella come un fabbro, // tira fuori il rottame dei ricordi / e crede che noi siamo fatti d’acciaio. // Dentro di noi c’è un medioevo, / ci sono i mostri sulle cartine dei luoghi lontani / e anche di quelli vicini, // ci sono cavalieri con la faccia di ferro / e donne con la faccia d’oro come il sole, // contadini che pregano / quando la terra sembra stia per morire, // e lavora come diecimila anni fa / lo schiavo che non conosce le ferie // eppure è lui il padrone e se vuole / ci sbatte via come una buccia di fico. // Zitti, che chiamano già un altro turno, / è ora di accalcarsi, se tutto va bene, / per dieci centesimi al mese.

Calendario Eventi
 
     
<<dicembre 2017>>
lunmarmergiovensabdom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Comune di Cassano Magnago - Via Volta 4 - 21012 Cassano Magnago (VA)
Tel: 0331.283311 Fax: 0331.280411 e-mail:
protocollo@cassano-magnago.it - PEC: protocollo.comune.cassanomagnago@pec.regione.lombardia.it
CF: 82007050121 P.IVA: 00329920128 - IBAN IT89T0521650110000000012000 - Fattura Elettronica UF5A6H

Un'opera del CED   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy