Ricerca
mercoledì 18 ottobre 2017 ..:: Vivere la città » Curiosità » Conosciamo i nostri poeti » Angelo Bertolini ::.. Registrazione  Login
Avviso variazione PEC
L'indirizzo di PEC del Comune di Cassano Magnago è il seguente:

protocollo.comune.cassanomagnago@pec.regione.lombardia.it

Tale indirizzo è abilitato esclusivamente alla ricezione della posta elettronica certificata (PEC)
Angelo Bertolini
Angelo Bertolini è nato il 21 maggio 1937 a Cassano Magnago, dove ha vissuto per tutta la sua vita. Ha svolto fino ai primi mesi del 2008 la professione di geometra.
Una delle sue più grandi soddisfazioni professionali è stata la collaborazione con l’ing. Spadoni Giancarlo alla progettazione della Chiesa del “S.S. NOME DI GESU’ai Bassi in Firenze.
L’amore per Cassano e per la vita, i valori morali e la religiosità, sono gli argomenti che hanno ispirato tutte le sue poesie, scritte in dialetto cassanese.
Con “Il cucù” ha vinto il premio “Bolle di parole 2007”.
E’ deceduto il 10.06.2008 dopo breve malattia.
Le sue poesie più belle sono state recentemente pubblicate in una raccolta intitolata “RICORD” (Rime dei Ricordi), realizzata dalla sua famiglia con la collaborazione di Achille Abramo Saporiti.
Il libro non è in vendita ma può essere richiesto direttamente ai familiari.

Ul quadernu
 
In quel dì, bèl e giucuund,
quand sa nass, sa vegn al muund,
ul Signuur, ul Padreternu,
a ognün al ga dà un quadernu:
 
tanti pagin, stampà fiin,
cunt scrivü ul nost destiin;
da precis, quant’inn, però
la sa Lü e nün al semm no.
 
E ul teemp, ca l’é vigliacc,
l’é mai fermu, l’é mai stracc;
ogni dì al strascia un föi
finché ul quadernu al resta vöi.
 
L’é un disegn già predispost
e tücc nün g’avremm un post
in Paradiis o a l’Infernu:
nesuun resta chì in eternu.
 
Ogni quadernu sèrasü
al sa verdarà mai pü
cunvegn minga ciapà rabia
se la vita l’é ‘na gabia;
 
e se quest l’é ul nost disegn
ga vöor ciapàla ma la vegn:
tant, finì la nostra storia
restarà poca memoria.
 
IL QUADERNO
 
In quel giorno, bello e giocondo,
quando si nasce, si viene al mondo,
il Signore, il Padreterno,
a ognuno dà un quaderno:
 
tante pagine, stampate fini,
con scritto il nostro destino;
di preciso, quante sono, però
lo sa Lui e noi non lo sappiamo.
 
E il Tempo, che è vigliacco,
non è mai fermo, non è mai stanco;
ogni giorno strappa un foglio
finché il quaderno resta vuoto.
 
È un destino già predisposto
e tutti noi avremo un posto
in Paradiso o all’Inferno:
nessuno resta qui in eterno.
 
Ogni quaderno chiuso
non si aprirà mai più.
Conviene non arrabbiarsi
se la vita è una gabbia;
 
e se questo è il nostro destino
bisogna prenderla come viene:
tanto, finita la nostra storia,
resterà poca memoria.
 
Nataal
 
Ai temp indré, cunt gió la fioca
i nostar nóni, tacaa al camiin,
i ga cüntavan ‘na filastroca
quand ul Nataal l’era visiin.
 
Nün stavum lì, a boca vèrta,
cunt i öcc vèrt e sbarataa;
pö andavum in lecc, sota ‘na querta
e serumm sübit indurmentaa.
 
E a la matina, lì sul cumò,
gh’era un regal, un negutiin
e a credevum, un pù si e un pù no,
ca l’aveva purtaa ul Gesü Bambiin.
 
Che festa! Dopu Mésa, propi a mesdì,
inturn al tavul, davanti ai piatt
tücc i pareent, insema, eran lì
tacaa ai nóni con sü i sciavatt.
 
Un’Ave Maria, un pù sbrufuiaa,
e dopu, alé, cügià e furchèta
un risott cunt sü ul furmagg grataa
galina a less, salam e panscéta;
 
un bicer da viin, ma da quel buun,
do nuus, un pomm, un mandariin
e una bèla feta da panetuun.
E a la sira: ul ribatiin.
 
Adess ul Nataal a l’è cambiaa:
una cursa, una ràbia, tantu fracass
i famili in quasi tücc spantegaa
la geent la ga in meent dumà d’andà a
spass.
 
A Nataal, la va in giir par ul muund,
ciàpan l’aereo e i van luntaan
fursi a vidé sa l’é propri rutuund
e in pocch sa resta chì a Casaan.
 
Adess, a sentì ul telegiurnaal,
t’a vegn adoss un stranguluun,
i robb al muund sa métan maal
e ta va da travers ul panetuun.
 
Quest’ann, Gesü, nostar Signuur
dal Ciel fa gió un’ugiadina
porta via i guerr, la famm e i duluur
e giüsta la crapa a chi porta rüina.
 
Anca s’al sèmm c’al meritum no
cunt ul có bass e in ginugiuun
una preghiera ta la fèmm ancamó
ca sìan a sée i dané di pensiuun.
 
NATALE
 
Nei tempi indietro, con la neve,
i nostri nonni, vicino al camino,
ci raccontavano una filastrocca
quando il Natale era vicino.
 
Noi stavamo lì, a bocca aperta,
con gli occhi fissi e spalancati,
poi andavamo a letto, sotto una coperta
ed eravamo subito addormentati
 
E alla mattina, lì sul comò,
 c’era un regalo, ma una cosa da niente
e credavamo, un po’ sì e un po’ no,
che l’aveva portato Gesù Bambino.
 
Che festa! Dopo Messa, proprio a mezzogiorno,
intorno al tavolo, davanti ai piatti,
tutti i parenti, insieme, erano lì
vicino ai nonni con le ciabatte.
 
Un’Ave Maria, un po’ biascicata,
e dopo, alè, cucchiaio e forchetta,
un risotto col formaggio grattugiato,
gallina lessa, salame e pancetta;
 
un bicchiere di vino, ma di quello buono,
due noci, una mela, un mandarino
e una bella fetta di panettone.
E alla sera: il ribattino.
 
Adesso il Natale è cambiato:
una corsa, una rabbia, tanto rumore
le famiglie sono quasi tutte divise
la gente ha in mente solo
di andare a spasso.
 
A Natale, va in giro per il mondo,
prendono l’aereo e vanno lontano
forse a vedere se è proprio rotondo
e in pochi restiamo a Cassano.
 
Adesso, a sentire il telegiornale,
ti viene addosso uno strangolone,
le cose al mondo si mettono male
e ti va di traverso il panettone.
 
Quest’anno, Gesù, nostro Signore,
da’ un’occhiata giù dal Cielo,
porta via le guerre, la fame e i dolori
e metti a posto la testa a chi porta rovina.
 
Anche se sappiamo di non meritarlo,
a testa bassa e in ginocchio,
una preghiera ancor te la facciamo:
che ci bastino i soldi della pensione.
 
Setant’ann.
 
I ann ai pasan e i vulan via
a resta dumà la nustalgia
ma a la matina, quand levi sü,
ma vegn adoss un quaicoss da pü:
 
ma góta ul naas dal rafreduur
e g’ho spantegaa un pù da duluur
a caminaa ma fa mal i cài
a ga vedi pocch senza i uciài;
 
i büsecch ai barbotan par la colite,
sa ciapi frecc ma vegn la bronchite
ma cress la panscia e go dü barbarèi
e par fa pari ho perdü i me cavèi;
 
ma toca slargaa d’un böcc la cintüra 
peró summ sbasaa un pu’ da statüra
a fa i scaal ma vegn ul fiaduun
e suravia se svalza la presiuun;
 
g’ho i maan gelaa e anca i pé frecc
ga senti pocch dai do urecc
la spina dursal la ga la scoliosi
e i giuntür i fann maal par l’artrosi
 
che sa ma pieghi, ma propri apéna,
ma salta un duluur dadré da la schena;
a legg ul giurnal ma piang i öcc
e ogni tant ma crìa i ginöcc;
 
a pisochi dal dì e ma svegli da nocc
e a la matina ma senti un pù mocc,
g’ho un pù da diabete e mèza dentéra
e ma vegn l’alergia a primavera.
 
La me memoria la vegn e la va
e par nagott a summ dré a barbutà,
ma gira l’elica quasi par nieent
a diventi nuiuus e anca esigeent.
 
Sarann i stagiuun o l’umidità?
No, l’é diversa la realtà:
parché sa ma guardi dentar in dul specc
la verità la sa veed: summ diventaa vecc!
 
Alura vegn adoss la malincunia:
ga do trà no e la casci via;
cunt la pazienza suporti i duluur,
fin chi summ rivaa: grazie Signuur!
 
Senza pretés, g’ho un desideri peró:
da restà chì un pù ancamó,
a summ curiuus da vidé se sto muund
al migliurarà o sa l’andarà püsé a fuund.
 
SETTANT’ANNI
 
Gli anni passano e volano via
resta solo la nostalgia
ma al mattino, quando mi alzo,
soffro ancora di più:
 
mi gocciola il naso per il raffreddore
ed ho sparsi un po’ di dolori
a camminare mi fanno male i calli
ci vedo poco senza gli occhiali;
 
i visceri brontolano per la colite,
se prendo freddo mi viene la bronchite
mi cresce la pancia e ho il doppio mento
e per fare pari ho perso i capelli;
 
mi tocca allargare di un buco la cintura
però mi sono abbassato un po’ di statura
a fare le scale mi viene il fiatone
e mi si è alzata la pressione;
 
ho le mani gelate e anche i piedi freddi
ci sento poco dalle due orecchie
la spina dorsale ha la scoliosi
e le giunture mi dolgono per l’artrosi
 
che se mi piego, ma proprio appena,
mi viene un dolore alla schiena;
a leggere il giornale mi piangono gli occhi
e ogni tanto mi scricchiolano le ginocchia;
 
dormicchio di giorno e mi sveglio di notte
e alla mattina mi sento un po’ mogio,
ho un po’ di diabete e mezza dentiera
e mi viene l’allergia in Primavera.
 
La mia memoria viene e va
e per poco mi metto a brontolare,
mi arrabbio quasi per niente
e divento noioso e anche esigente.
 
Saranno le stagioni o l’umidità?
No, è diversa la realtà:
perché se mi guardo allo specchio
la verità si vede: sono diventato vecchio!
 
Allora mi viene la malinconia:
non le dò ascolto e la caccio via;
con pazienza sopporto i dolori,
fin qui sono arrivato: grazie Signore!
 
Senza pretese, però ho un desiderio:
di restare qui ancora un po’,
sono curioso di vedere se questo mondo
migliorerà o andrà ancora più a fondo.
 

 

 

Calendario Eventi
 
     
<<ottobre 2017>>
lunmarmergiovensabdom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
1011121314
15
16171819202122
2324252627
28
29
3031

Comune di Cassano Magnago - Via Volta 4 - 21012 Cassano Magnago (VA)
Tel: 0331.283311 Fax: 0331.280411 e-mail:
protocollo@cassano-magnago.it - PEC: protocollo.comune.cassanomagnago@pec.regione.lombardia.it
CF: 82007050121 P.IVA: 00329920128 - IBAN IT89T0521650110000000012000 - Fattura Elettronica UF5A6H

Un'opera del CED   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy